RaF per il sociale

La mostra “L’Italia al fronte. La Riviera del Brenta retrovia del Piave” è stata un’ottima prova per realizzare delle attività culturali collaterali. Alcune di queste sono state organizzate per aiutare delle realtà del territorio in difficoltà. L’8 luglio 2015 la Riviera del Brenta è stata devastata dal tornado; una delle strutture colpite è stata il CEOD – Centro Diurno per Disabili – di Dolo.

Il 7 novembre 2015 la chiesa di Borbiago ha ospitato un concerto e che ha visto esibirsi il coro del Gruppo A.N.A. “La Sorgente” di Morgano. La chiesa era piena e il risultato è stato davvero ottimo in termini di offerte raccolte. Anche il torneo di calcio del centenario dal titolo “Un calcio al tornado” di domenica 8 novembre ha visto trionfare la solidarietà. Alla fine della rassegna, il comitato organizzatore ha raccolto e consegnato nelle mani della responsabile del centro 512,45 euro.

Memori di quanto avvenuto a Borbiago, Riviera al Fronte ha deciso di creare una partnership con l’associazione Mille Sogni di Dolo e di partire con il progetto “RaF per il sociale“. Mille Sogni da anni organizza eventi e il ricavato di questi ha permesso l’acquisto di un pulmino e di una serie di beni proprio al CEOD di Dolo. L’obiettivo comune è di collaborare nell’organizzazione di eventi atti a raccogliere fondi e sostenere progetti di solidarietà nel territorio rivierasco.

Visti gli ottimi risultati ottenuti a Borbiago e il ruolo che Riviera al Fronte sta ricoprendo sul territorio, i soci dell’associazione hanno deciso di mettersi in gioco anche in questo campo e sostenere progetti per aiutare chi è più svantaggiato.

Riviera al Fronte tratta soprattutto temi legati alla guerra, alla sofferenza e alla morte. Il contrario di tutto questo è la pace, la solidarietà e quindi la vita. La speranza è che le attività che organizziamo sul territorio possano sensibilizzare sia sul piano culturale che sul piano sociale, in aiuto di chi è in difficoltà.